-
Home La Provincia URP Ufficio Stampa Servizi Albo pretorio Concorsi Bandi di gara Avvisi Pubblici Amministrazione Trasparente
Link a Facebook Link a Twitter Link a youtube
Scongiurato espianto alberi di ulivo. Pacella: "Grande soddisfazione, ma necessario continuare a tenere ancora alta la guardia"

  20/12/2013

"Non nascondo una grande soddisfazione nell'apprendere la notizia dello scongiurato espianto dei nostri alberi di ulivo. E per questo voglio ringraziare i tecnici ed il gruppo di coordinamento dell'Osservatorio Fitosanitario", dichiara l'assessore all'Agricoltura della Provincia di Lecce Francesco Pacella.

"Ciò nonostante le preoccupazioni permangono, sia perché vige ancora l'eventuale rischio di estirpazione e sia perché gli agricoltori proprietari degli uliveti seriamente compromessi subiscono un drammatico calo del reddito, a causa del fatto che gli ulivi sono improvvisamente diventati improduttivi. Per costoro infatti non vi è alcuna assicurazione di misure di ristoro per tale perdita; lo stesso dicasi per i vivaisti, per i quali permane, seppur in maniera minore, una situazione di grande restrizione. Per questo mi auguro che l'Istituzione regionale, il Ministero e la Commissione Europea possano dare risposte immediate per evitare il collasso economico di tali imprese" .

E aggiunge: "Tirato questo sospiro di sollievo e per evitare, o almeno frenare, l'attuale progressiva consunzione della nostra olivicoltura, occorre lavorare per garantire un equo reddito per i nostri produttori, attraverso aggregazioni tra tutti gli elementi che compongono la filiera e stretti coordinamenti tra ricerca scientifica, impresa, finanza ed Istituzioni, così da assecondare più efficacemente l'innovazione indispensabile per la valorizzazione e la competitività del nostro olio extravergine di oliva".

"Alla base di tutto diviene necessario il rinnovamento delle aziende olivicole, attraverso il ricambio generazionale ed occorre definire, altresì, un nuovo modello di organizzazione economica capace di mettere assieme piccoli e medi produttori, rendendoli protagonisti ed artefici del loro futuro. E' indispensabile sensibilizzare i produttori e le loro organizzazioni a definire scelte strategiche comuni per l'olivicoltura salentina, che abbiano come obiettivo, da un lato la razionalizzazione della fase produttiva, con la diminuzione dei costi di produzione e l'aumento della qualità del prodotto, dall'altro la concentrazione in una sola struttura commerciale, in modo da diffondere un'unica immagine dell'olio extravergine di oliva salentino".

Conclude l'assessore Pacella: "Abbiamo vissuto mesi di trepidazione, ma non è finita. Per questo da domani siamo tutti chiamati a fare sistema per scongiurare le cause che stanno determinando tale infezione, e per considerare l'olivicoltura salentina un bene comune".


  Torna indietro


Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!