-
Home La Provincia URP Ufficio Stampa Servizi Albo pretorio Concorsi Bandi di gara Avvisi Pubblici Amministrazione Trasparente
Link a Facebook Link a Twitter Link a youtube
"Rompiamo il silenzio": nelle scuole arrivano i laboratori per educare i giovani contro la violenza sulle donne

  11/02/2014

Si chiama "Rompiamo il silenzio" ed è il nuovo progetto messo in campo dalla Provincia di Lecce, tramite l'Assessorato alle Politiche sociali e alle Pari opportunità, per prevenire e contrastare il drammatico fenomeno della violenza sulle donne e sui bambini.

L'iniziativa, frutto del concorso di idee lanciato con un Avviso pubblico a gennaio scorso, coinvolgerà il mondo dell'associazionismo sociale e gli studenti del territorio salentino.

Questa mattina, a Palazzo Adorno, a Lecce, il presidente della Provincia Antonio Gabellone e l'assessore alle Politiche sociali e alle Pari opportunità Filomena D'Antini Solero hanno incontrato, per la prima volta, i rappresentanti delle 15 associazioni che hanno partecipato all'Avviso, i cui progetti sono stati valutati ed ammessi dal dirigente del Servizio Politiche sociali e di parità, coadiuvato da una commissione di esperti. (La graduatoria è pubblicata sul sito istituzionale dell'Ente all'indirizzo www.provincia.le.it).

Per realizzare la campagna sociale "Rompiamo il silenzio", la Provincia di Lecce ha stanziato complessivamente 30mila euro. Ogni progetto ammesso sarà finanziato per un importo massimo di 2mila euro.

"Le associazioni realizzeranno entro la fine dell'anno scolastico attività di sensibilizzazione ed educazione sul tema della violenza su donne e minori, anche attraverso laboratori, prevalentemente negli istituti di istruzione secondaria superiore, ma anche in alcune scuole medie ed oratori", spiega il presidente della Provincia Antonio Gabellone.

"Il nostro obiettivo è anche quello di creare un momento di interazione scuola – terzo settore, creare un collegamento, delle sinergie tra queste due importantissime realtà del territorio, affinché facciano rete e riescano in futuro a realizzare insieme percorsi nuovi di collaborazione, perché le risorse a disposizione sono sempre più ridotte, ma non si può rinunciare a dare servizi. Anche questo è il nostro sforzo", ha sottolineato Gabellone.

L'assessore alle Politiche sociali e alle Pari opportunità Filomena D'Antini Solero evidenzia: "Il titolo che abbiamo scelto per questa nuova iniziativa è emblematico. Per fermare la violenza sulle donne e sui bambini, infatti, è necessario rompere il silenzio, avere il coraggio di denunciare, ma anche di parlare sempre di più di questo fenomeno così dilagante nella nostra società".

"Questa iniziativa è inserita nel Piano provinciale per la realizzazione di interventi locali per la prevenzione e il contrasto della violenza contro donne e minori, che è stato il primo Piano nato in Puglia e tra i primi in Italia. Tramite questo strumento abbiamo attivato ben sei centri antiviolenza nel Salento e una casa rifugio nel territorio di Lecce. Mancava a questa rete il supporto del terzo settore che ora arriva con questo progetto", ha proseguito l'assessore provinciale.

"Di fatto, abbiamo anticipato quanto proposto solo pochi giorni fa dal viceministro per le Pari opportunità Maria Cecilia Guerra che, sul tema del contrasto alla violenza sulle donne, ha messo anche in evidenza, tra i punti più importanti, quanto la prevenzione sia il primo passo da fare e quanto sia necessario educare i ragazzi su questi temi già da giovanissimi, anche a scuola. Esattamente come abbiamo pensato e stiamo facendo con i laboratori che coinvolgeranno i ragazzi e le ragazze nelle scuole. La violenza sulle donne è innanzitutto un fatto culturale e la cultura si cambia e si genera a partire dai più giovani", conclude Filomena D'Antini Solero.

Le 15 associazioni ammesse sono: Donne Insieme Onlus di Lecce, Anespp - Puglia di Tricase, Astrea di Maglie, Sui Generis di Lecce, Strada Facendo di Lecce, Cooperativa Koreja a.r.l. di Lecce, Idea di Trepuzzi, Cif di Maglie, Il Faro di Monteroni, Compagnia Makaria di Squinzano, La Piramide di Taviano, Italia Equa di Copertino, la Cooperativa sociale Il Melograno di Lequile, la Congregazione religiosa "Suore delle divine vocazioni" di Supersano, la Parrocchia San Michele Arcangelo di Supersano.

Nei prossimi giorni sarà presentato il calendario completo dei laboratori e l'elenco delle scuole dove si svolgeranno le attività tematiche.

Il progetto "Rompiamo il silenzio" segue l'altra iniziativa di sensibilizzazione sullo stesso tema intitolata "Colpi di genio", la rassegna teatrale itinerante che, da luglio 2013, sta facendo tappa con successo in diversi Comuni salentini e che si concluderà il prossimo mese di marzo.


  Torna indietro


Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!