-
Home La Provincia URP Ufficio Stampa Servizi Albo pretorio Concorsi Bandi di gara Avvisi Pubblici Amministrazione Trasparente
Link a Facebook Link a Twitter Link a youtube
"Radici in movimento": nel Castello di Acaya domani s'inaugura la personale di pirografia di Silvana Bissoli

  23/05/2014

Secondo appuntamento nel Castello di Acaya con "Radici in movimento", rassegna culturale di arte, letteratura, musica e video, organizzata dalla Provincia di Lecce e dall'Istituto di Culture Mediterranee, in collaborazione con "L'Officina delle parole".

Domani, sabato 24 maggio alle ore 18.30, nelle scuderie del Castello di Acaya, in piazza d'Armi, si terrà il vernissage della personale di pirografia di Silvana Bissoli dal titolo "Il mio mondo".

All'inaugurazione interverranno il direttore dell'Istituto di Culture mediterranee della Provincia di Lecce Luigi De Luca e la consigliera di Parità della Provincia di Lecce Alessia Ferreri. Il programma prevede, inoltre, un "percorso critico tra gli ulivi" con il critico d'arte e presidente de "L'officina delle Parole" Pompea Vergaro, curatela della mostra, sulle note del flautista Gianluca Milanese e la performance poetica di Wilma Vedruccio.

La mostra rimarrà aperta al pubblico fino al 3 giugno 2014. In questo mese si potrà visitare dal martedì alla domenica, dalle ore 10 alle ore 12.30 e dalle ore 16 alle ore 19; mentre nel mese di giugno sarà aperta dal martedì alla domenica, dalle ore 10 alle ore 12.30 e dalle ore 17 alle ore 20.

La rassegna "Radici in movimento" ha preso il via il 26 aprile scorso, con la personale dello scultore salentino Giovanni Rollo "Libera Interpretazione della Divina Commedia di Dante Alighieri, disegni e bassorilievi eseguiti con differenti tecniche e materiali", che ha riscosso un'ampio successo di pubblico.

Il prossimo appuntamento sarà mercoledì 28 maggio, alle ore 18.30, sempre nel Castello di Acaya, con l'incontro letterario con Claudia Petracca, autrice di "Un volo sulla cenere" (Lupo editore).

Silvana Bissoli arriva nel Salento da Imola con le sue opere di scrittura col fuoco, l'antica tecnica d'incisione di origine mediterranea. Quadri, installazioni, sculture di ulivi, che l'artista imolese, dapprima ha cercato e fotografato in questa stessa terra, nelle sue lunghe passeggiate, per restituirli in arte. La sua mano nel laboratorio d'arte guida il pirografo, uno strumento che traduce il legno in opere d'arte simili ad acquerelli. "Segreti", "Intimi pensieri", "Vibrazioni", "Donna ferita", "Devozione alla terra", sono alcune delle 26 opere che saranno esposte nelle Scuderie del Castello di Acaya.




  Torna indietro


Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!