-
Home La Provincia URP Ufficio Stampa Servizi Albo pretorio Concorsi Bandi di gara Avvisi Pubblici Amministrazione Trasparente
Link a Facebook Link a Twitter Link a youtube
La mobilitazione per la Fondazione Ico Tito Schipa: dichiarazione della vice presidente e assessore alla cultura Simona Manca

  18/06/2014

"Sono convinta che sia mero spirito collaborativo quello che ha animato l'onorevole Capone a rilasciare un'intervista al Nuovo Quotidiano di Puglia, invocando la gestione dei privati per salvare la Fondazione Tito Schipa", dichiara Simona Manca, vice presidente e assessore alla Cultura della Provincia di Lecce.

"Semplicemente vorrei sottolineare, però, che la Provincia di Lecce da cinque anni porta avanti il tentativo di coinvolgere i privati, non soltanto nella programmazione della Ico, ma in generale per tutto il settore della cultura, anche per allinearsi alle formule e agli standard europei di altre aree geografiche dell'Italia. Ma ciò non è stato possibile, se non in piccola anche se significativa parte".

E aggiunge: "Abbiamo costantemente invitato, formalmente ed informalmente, gli imprenditori, ma sono stati pochissimi i privati che si sono fatti avanti, probabilmente a causa della crisi economica che ha attanagliato un po' tutti. Tra questi il maggiore sostenitore è stata la Camera di Commercio di Lecce, grazie al presidente Alfredo Prete che ci ha sempre creduto, come tra gli istituti di credito la Banca Popolare Pugliese e come altre aziende più piccole che hanno dato il loro sostegno e i cui nomi sono stati resi pubblici in ogni iniziativa che questi imprenditori illuminati hanno scelto di finanziare".

"Per cui, alla luce di quanto è stato già fatto e dell'impegno che la Provincia ha profuso proprio nella direzione indicata, rispediamo decisamente al mittente l'invito: se Salvatore Capone sa fare di meglio, siamo disponibili ad accogliere ogni apertura da parte di privati".

"Infine, vorrei ricordare che inizierà con il concerto della Fondazione in programma venerdì prossimo, la raccolta di firme per salvare l'Orchestra Tito Schipa: facciamo perciò appello a tutti, semplici cittadini, intellettuali, uomini e donne di cultura che hanno care le sorti della musica a partecipare e a firmare la petizione", conclude Simona Manca.



  Torna indietro


Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!