-
Home La Provincia URP Ufficio Stampa Servizi Albo pretorio Concorsi Bandi di gara Avvisi Pubblici Amministrazione Trasparente
Link a Facebook Link a Twitter Link a youtube
La fabbrica dell'orrore torna nel Liceo Da Vinci a Maglie con il procuratore De Donno e i temi caldi del terrorismo e di tangentopoli

  14/01/2015

Dopo la pausa natalizia, riprendono con il nuovo anno gli appuntamenti de "La fabbrica dell'orrore – Strategie della paura e pratiche del consenso. I terrorismi. Le mafie", il progetto promosso dal Liceo Scientifico "Leonardo Da Vinci" di Maglie, con il patrocinio della Provincia di Lecce, del Comune di Maglie, dell'Università del Salento e in collaborazione con il Corso di studi in Sociologia dell'Università del Salento.

Si riparte venerdì 16 gennaio, alle ore 9.30, con l'intervento del procuratore aggiunto della Repubblica di Lecce Antonio De Donno sul tema "Dal terrorismo a tangentopoli: ricordi dalla prima linea".

L'incontro si preannuncia ricco di spunti di riflessione e di dibattito, soprattutto alla luce dei recenti fatti di cronaca nazionale e internazionale: dall'inchiesta romana su appalti, mafia e politica "Mafia Capitale", che ha coinvolto un'ampia fetta della classe dirigente della Città capitolina, svelando uno sconvolgente sistema di connivenze e malaffare, alle stragi di Parigi, compiute solo pochi giorni fa, da terroristi legati al mondo del fondamentalismo islamico.

L'appuntamento è il quarto del ciclo di seminari tematici con esponenti illustri del mondo della cultura, della politica, della magistratura e del giornalismo italiano, invitati a incontrare gli studenti del Liceo Da Vinci per confrontarsi direttamente con loro. Obiettivo dell'iniziativa, infatti, è offrire ai più giovani, proprio attraverso il dialogo tra generazioni, gli strumenti che possano aiutarli a comprendere e interpretare uno dei periodi storici più oscuri e tormentati della recente storia italiana, quello degli anni di piombo, della violenta aggressione della criminalità organizzata allo Stato, fino ad arrivare alle forme e manifestazioni più attuali del terrorismo.

Partiti il 24 novembre scorso e in programma fino a maggio, gli incontri hanno visto fino ad oggi la partecipazione del giornalista de "Il Fatto Quotidiano" Stefano Caselli e del documentarista e autore televisivo Davide Valentini, intervenuti sul tema "Gli anni spietati, dell'avvocato ed editorialista del quotidiano "La Repubblica" Gianluigi Pellegrino e dell'avvocato, già presidente della Commissione d'inchiesta sul terrorismo e le stragi, Giovanni Pellegrino ("Dialogo tra padri e figli sui misteri d'Italia") e, ancora, dell'ex direttore della Corriere della Sera, storico e presidente di RCS Paolo Mieli (I conti con la storia).

"La fabbrica dell' orrore" proseguirà sabato 31 gennaio (ore 9.30 – 12), con l'intervento del procuratore della Repubblica di Torino Armando Spataro, che spiegherà "Il ruolo della magistrature contro il terrorismo: dagli anni di piombo al terrorismo internazionale".




  Torna indietro


Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!