-
Home La Provincia URP Ufficio Stampa Servizi Albo pretorio Concorsi Bandi di gara Avvisi Pubblici Amministrazione Trasparente
Link a Facebook Link a Twitter Link a youtube
La fabbrica dell'orrore domani nel Liceo Da Vinci a Maglie con il procuratore De Donno e i temi caldi del terrorismo e di tangentopoli

  15/01/2015

Dopo la pausa natalizia, riprendono domani, venerdì 16 gennaio, gli appuntamenti de "La fabbrica dell'orrore – Strategie della paura e pratiche del consenso. I terrorismi. Le mafie", il progetto promosso dal Liceo Scientifico "Leonardo Da Vinci" di Maglie, con il patrocinio della Provincia di Lecce, del Comune di Maglie, dell'Università del Salento e in collaborazione con il Corso di studi in Sociologia dell'Università del Salento.

Alle ore 9.30, nell'aula magna del Liceo Da Vinci, a Maglie, il procuratore aggiunto della Repubblica di Lecce Antonio De Donno interverrà sul tema "Dal terrorismo a tangentopoli: ricordi dalla prima linea".

L'incontro offrirà tanti spunti di riflessione e di dibattito alla luce dei recenti fatti di cronaca nazionale e internazionale: dall'inchiesta romana su appalti, mafia e politica "Mafia Capitale", che ha coinvolto un'ampia fetta della classe dirigente della Città capitolina, svelando uno sconvolgente sistema di connivenze e malaffare, alle stragi di Parigi, compiute solo pochi giorni fa, da terroristi legati al mondo del fondamentalismo islamico.

L'appuntamento è il quarto del ciclo di seminari tematici con esponenti illustri del mondo della cultura, della politica, della magistratura e del giornalismo italiano, invitati a incontrare gli studenti del Liceo Da Vinci per confrontarsi direttamente con loro. Obiettivo dell'iniziativa, infatti, è offrire ai più giovani, proprio attraverso il dialogo tra generazioni, gli strumenti che possano aiutarli a comprendere e interpretare uno dei periodi storici più oscuri e tormentati della recente storia italiana, quello degli anni di piombo, della violenta aggressione della criminalità organizzata allo Stato, fino ad arrivare alle forme e manifestazioni più attuali del terrorismo.

Partiti il 24 novembre scorso e in programma fino a maggio, gli incontri hanno visto fino ad oggi la partecipazione del giornalista de "Il Fatto Quotidiano" Stefano Caselli e del documentarista e autore televisivo Davide Valentini, intervenuti sul tema "Gli anni spietati, dell'avvocato ed editorialista del quotidiano "La Repubblica" Gianluigi Pellegrino e dell'avvocato, già presidente della Commissione d'inchiesta sul terrorismo e le stragi, Giovanni Pellegrino ("Dialogo tra padri e figli sui misteri d'Italia") e, ancora, dell'ex direttore della Corriere della Sera, storico e presidente di RCS Paolo Mieli (I conti con la storia).

"La fabbrica dell'orrore" proseguirà sabato 31 gennaio (ore 9.30 – 12), con l'intervento del procuratore della Repubblica di Torino Armando Spataro, che spiegherà "Il ruolo della magistrature contro il terrorismo: dagli anni di piombo al terrorismo internazionale".


  Torna indietro


Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!