-
Home La Provincia URP Ufficio Stampa Servizi Albo pretorio Concorsi Bandi di gara Avvisi Pubblici Amministrazione Trasparente
Link a Facebook Link a Twitter Link a youtube
Il futuro di palazzo Comi in commissione cultura: per Simona Manca il partenariato pubblico privato previsto nel bando resta unica strada

  29/09/2015

"La Provincia di Lecce, con il bando per Palazzo Comi, promuove un progetto di valorizzazione che lo porti a pieno titolo a diventare quel Polo culturale del Sud Salento che stiamo cercando di costruire. A ciò bisogna aggiungere che, per far rivivere Palazzo Comi occorrono centinaia di migliaia di euro da investire per rifare impianti, infissi e arredamento interno. Oggi, la Provincia di Lecce, come qualsiasi altro ente pubblico territoriale, non è in grado di soddisfare da sola queste esigenze. L'unica strada possibile, quindi, per raggiungere l'obiettivo era ed è quella del partenariato pubblico – privato".

E' quanto è tornata a ribadire questa mattina la consigliera provinciale con delega alla Cultura Simona Manca, nella seduta della Commissione provinciale Cultura, convocata a Palazzo dei Celestini a Lecce per discutere, tra l'altro, del futuro di Palazzo Comi alla luce del bando per la sua nuova gestione voluto dall'Amministrazione Gabellone.

Dopo aver ascoltato i pareri giuridici e tecnici esposti dal segretario generale dell'Ente Giacomo Mazzeo e dal dirigente del Patrimonio Rocco Merico e dall'ingegnere Giulio Mele, la consigliera Manca ha preso la parola per chiarire, ancora una volta, alcuni aspetti del bando.

"Nel partenariato pubblico – privato previsto nel bando, partenariato che abbiamo già sperimentato con successo a Cerrate con il Fai, si è avuto cura di mettere dei paletti. Il primo è che deve essere presentato un progetto culturale solido e sostenibile economicamente e, il secondo, che Casa Comi sarà vincolata ad una gestione che non la snaturi e quindi, in pratica, ad una gestione museale. Non comprendo, quindi, i malumori riguardo a questo punto da parte delle associazioni. Le invito a rileggere in maniera accurata il bando, dal quale potranno rendersi conto della effettiva volontà dell'Ente".
Da qui la conclusione propositiva della consigliera Simona Manca: "Credo onestamente che le esigenze del Comune e delle associazioni non siano inconciliabili con questo bando, perché la stessa Provincia, che rimane comunque proprietaria dell'immobile, dopo che il privato si sarà aggiudicato il bene, potrà farsi carico di un dialogo tra quest'ultimo, il Comune e le associazioni, affinché vengano ascoltate e tenute in conto le loro proposte culturali".


  Torna indietro


Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!