-
Home La Provincia URP Ufficio Stampa Servizi Albo pretorio Concorsi Bandi di gara Avvisi Pubblici Amministrazione Trasparente
Link a Facebook Link a Twitter Link a youtube
"Salento in festival": domani il noto studioso dell'arte Strinati ad Acaja e lo spettacolo teatrale "Cassandra" a Maglie

  26/07/2011

Prosegue con nuovi appuntamenti "Salento in Festival", la rassegna estiva promossa e organizzata dall'assessorato alla Cultura della Provincia di Lecce (in collaborazione con il Museo Maxxi di Roma, la Fondazione Ico "Tito Schipa", l'Istituto di Culture Mediterranee della Provincia, il Comune di Lecce, la Camera di Commercio di Lecce e l'Accademia di Belle Arti).

Oggi, martedì 26 luglio, ad Otranto nel Fossato del Castello, con sipario alle ore 21.30, andrà in scena, dopo il successo della "prima" di ieri sera all'Anfiteatro di Lecce, il Balletto in due atti "Romeo e Giulietta", coreografato da Fredy Franzutti e portato in scena dalla Compagnia Balletto del Sud, con le musiche di Sergej Prokof'ev eseguite dall'Orchestra Sinfonica Tito Schipa, diretta dal direttore artistico e principale Marcello Panni.

A Sannicola, invece, presso Villa Excelsa, alle ore 20.30, Pedrag Matvejevic' presenterà il volume "Mediterraneo in rivolta", alla presenza dell'autore Franco Rizzi. Con la prefazione di Lucio Caracciolo, il libro propone un approfondimento sulle sommosse popolari che stanno cambiando il mondo arabo sotto i nostri occhi.

Domani, mercoledì 27 luglio, Villa Tamborino a Maglie, alle ore 21, ospiterà Elisabetta Pozzi in "Cassandra" da Seneca, Eschilo, Euripide, Baudrillard e con Hal Yamanouchi, Paola Bellisari, Carlotta Bruni, Rosa Merlino. La regia è di Elisabetta Pozzi e Aurelio Gatti.

Lo spettacolo teatrale, che è inserito nella rassegna "Chiari di luna. Un palcoscenico a cielo aperto", è un lavoro dedicato a una figura tra le più fragili tra le eroine classiche. Attraverso il mito di Cassandra si giunge all'idea di una consapevolezza "solitaria" del percepire l'imminente, quasi a suggerire l'esistenza di una empatia universale, in cui la tragedia non è quanto avviene, ma l'impotenza nel comunicarlo.

Sempre domani, alle ore 20.30, nel Castello di Acaja, Claudio Strinati presenterà il volume "Caravaggio, Giordano Bruno e l'invisibile natura delle cose" di Anna Maria Panzera, in collaborazione con l'Asino d'oro Editore.

Claudio Strinati è uno dei maggiori conoscitore e storici dell'arte italiani, studioso in particolare della pittura tra ‘500 e ‘700, già sovrintendente del Polo museale romano, curatore dell'ultima grande mostra di Caravaggio alle Scuderie del Quirinale a Roma e dirigente generale del Ministero dei Beni e delle Attività culturali.

Anna Maria Panzera, invece, è una giovane studiosa salentina che aveva già affrontato il tema del rapporto tra Caravaggio e Giordano Bruno e che torna sull'argomento con questo volume con un allargamento delle problematiche. Il libro, oltre alla prefazione di Claudio Strinati, riporta anche quella di Michele Ciliberto della Normale di Pisa, il più importante studioso di Giordano Bruno.


  Torna indietro


Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!