-
Home La Provincia URP Ufficio Stampa Servizi Albo pretorio Concorsi Bandi di gara Avvisi Pubblici Amministrazione Trasparente
Link a Facebook Link a Twitter Link a youtube
Nel Salento troppe donne non cercano lavoro: l'intervento della consigliera di parità della Provincia di Lecce Filomena D'Antini

  26/10/2016

"Solo in provincia di Lecce sono ben 258mila le donne inattive. Per rilanciare l'occupazione italiana, soprattutto quella femminile, occorre cambiare prospettiva e avviare una lotta congiunta alla disoccupazione e all'inattività, cioè a quella condizione di sconforto e sfiducia che porta le donne a non cercare lavoro". E' quanto afferma la consigliera di parità della Provincia di Lecce Filomena D'Antini, alla luce dei dati Istat rielaborati su base provinciale dall'Ufficio Statistica dell'Ente di Palazzo dei Celestini.

"Nel Salento se si riduce, in termini seppur minimi, il gap tra il livello di disoccupazione femminile e maschile, non si riduce quello del livello di occupazione. Nella nostra provincia, infatti, secondo gli ultimi dati Istat, mentre il tasso di disoccupazione per i maschi, tra i 15 e i 74 anni, è pari al 20,9%, il tasso di disoccupazione per le femmine, tra i 15 e i 74 anni, è pari al 24,0%. Dati che, comunque, non sono per nulla confortanti rispetto alla disoccupazione media complessiva in Italia che, tra maschi e femmine, ci da una percentuale pari all'11,9%", prosegue la consigliera provinciale di Parità.

"Analizzando invece i dati relativi al tasso di occupazione risultano occupate solo il 31,6% di donne tra i 15 e i 64 anni di età, a fronte di un'occupazione maschile pari al 55%. Infatti, i maschi occupati sono 141mila e le donne occupate sono 84mila. Come mai?", si chiede Filomena D'Antini.

"Ancora una volta la risposta è da ricercarsi nella categoria degli inattivi, ossia di coloro che non lavorano, né cercano un'occupazione. Oggi, in provincia di Lecce, le inattive sono ben 258mila" è la risposta allarmata della consigliera di Parità, che propone alcune possibili soluzioni, con uno sguardo al futuro.


"Se non si interviene cambiando prospettiva il mercato del lavoro continuerà a rimanere un mercato declinato al maschile. La schiera delle inattive sembra infoltirsi, sia in termini congiunturali che tendenziali, e i principali motivi derivano dalla inadeguatezza degli strumenti di supporto al lavoro di cui le donne necessitano per poter assolvere al ruolo di moglie madre lavoratrice. Il conflitto fra professione, maternità e famiglia e l'inadeguatezza dei servizi impedisce in Italia a 650 mila madri di entrare o rientrare nel mercato del lavoro".

"Nel nostro Paese il fabbisogno effettivo di asili nido pubblici aggiuntivi è di 108 mila posti (il 40 per cento è offerto dai privati), mentre le madri che avrebbero bisogno per poter rientrare nel mercato del lavoro di servizi per i bambini più grandi, da 3 a 14 anni, fra l'altro meno costosi, sono molto più numerose: 334 mila. A ciò si aggiunga che per molte madri non vi è convenienza a lavorare. Infatti i motivi per i quali le madri considerano inadeguati i servizi di cura per l'infanzia sono prevalentemente due: il 55 per cento li ritiene troppo costosi, solo il 16 per cento lamenta la loro assenza nella zona dove abita e se il costo dei servizi sostitutivi del lavoro domestico e di cura dei bambini è superiore al salario atteso, non è conveniente lavorare. Si può modificare questa propensione negativa delle madri a lavorare sia alzando il salario atteso, per esempio riducendo le tasse sui redditi da lavoro delle madri occupate o promuovendo l'innalzamento del livello d'istruzione, oppure diminuendo il costo dei servizi alla persona per le famiglie con significative agevolazioni fiscali, anche attraverso misure di welfare aziendale".

"E' doveroso lanciare un appello a tutte la parti politiche per una valutazione attenta dei problemi e delle prospettive di lavoro, di carriera e perché no di maternità - paternità. Perché se fino ad oggi sono state le donne a rinunciare a qualche cosa, vorremmo un Paese in cui finalmente non siano costrette a rinunciare a nulla", conclude Filomena D'Antini.


  Torna indietro


Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!