-
Home La Provincia URP Ufficio Stampa Servizi Albo pretorio Concorsi Bandi di gara Avvisi Pubblici Amministrazione Trasparente
Link a Facebook Link a Twitter Link a youtube
Approvato a maggioranza il Bilancio di previsione 2017 corredato dal Documento Unico di Programmazione

  21/12/2017

Il Consiglio provinciale, riunitosi questa mattina nell'aula consiliare di Palazzo dei Celestini, ha approvato con 9 voti favorevoli e 5 contrari il Bilancio di previsione 2017 corredato dal Documento Unico di programmazione (DUP) e da altri allegati.

Già approvato lo scorso 30 novembre dall'assise consiliare, pur in assenza del previsto parere dell'Assemblea dei sindaci dei Comuni della provincia di Lecce, andata deserta due volte per mancanza del numero legale, l'importante strumento finanziario è stato approvato questa mattina in via definitiva.

Nel corso della discussione il presidente dell'Ente Antonio Gabellone ha rimarcato come: "Il bilancio 2017 arriva in Consiglio in una situazione complicatissima, ma tutto sommato in linea con le difficoltà che le Province italiane stanno ormai attraversando. Il mio personale auspicio, così come quello dell'intera assise, è che il nuovo Governo riveda la legge Delrio, legge ponte superata dal risultato referendario".

Sempre all'unanimità, inoltre, il Consiglio provinciale ha approvato il Piano Esecutivo di Gestione ed il Piano dettagliato degli obiettivi per l'Esercizio Finanziario 2017.

L'assise provinciale ha anche nominato il nuovo presidente del Consiglio di amministrazione dell'Istituto Minorati della Vista "Antonacci" di Lecce nella persona di Gianluigi Tundo.

All'unanimità è stata votata, inoltre, la Raccomandazione del Congresso dei Poteri Regionali e Locali d'Europa dell'ottobre scorso al Governo italiano relativa alla riforma Delrio sulle Province a ai tagli di bilancio alle stesse.

Con questo provvedimento il Consiglio provinciale chiede al Governo e al Parlamento di mantenere integralmente a beneficio delle Province le entrate tributarie proprie delle stesse (nel rispetto dell'art. 119 della Costituzione e dell'art. 9 della Carta Europea dell'autonomia locale, fatte salve le eventuali ulteriori risorse a copertura delle funzioni assegnate) e di ripristinare il sistema dell'elezione diretta del presidente e del Consiglio provinciale, così come prevede l'art. 3 della Carta Europea dell'autonomia locale.

Inoltre, si da mandato al presidente della Provincia di trasmettere la deliberazione approvata ai Consigli delle Province delle Regioni a statuto ordinario, affinché si uniscano alla Provincia di Lecce nell'appello al Governo e al Parlamento adottando lo stesso provvedimento e si da mandato all'Unione delle Province Italiane perché raccolga i vari atti deliberativi delle Province e provveda al loro inoltro al Presidente della Repubblica, del Consiglio dei Ministri, del Senato e della Camera dei Deputati.

Infine, con 2 voti favorevoli (Scorrano e Inguscio) e 10 astenuti, è stata approvata la mozione presentata dal consigliere Danilo Scorrano (Salento Bene Comune) sul gasdotto Tap. Con il provvedimento si impegna il presidente della Provincia a sostenere la giusta battaglia delle popolazioni, dei comitati e delle istituzioni locali contro la realizzazione del progetto Tap, considerato che, già con la delibera n°94/13, il Consiglio provinciale aveva espresso parere negativo alla realizzazione dell'opera sulla base di una relazione tecnica appositamente commissionata.



  Torna indietro


Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!