-
Home La Provincia URP Ufficio Stampa Servizi Albo pretorio Concorsi Bandi di gara Avvisi Pubblici Amministrazione Trasparente
Link a Facebook Link a Twitter Link a youtube
"La Città del Libro deve cercare una sua identità": questa la proposta avanzata oggi dalla vicepresidente Simona Manca

  23/11/2011

Ai nastri di partenza la XVII edizione di "Città del Libro – Rassegna nazionale degli autori e degli editori del Mediterraneo", che si svolgerà da domani, 24 al 27 novembre prossimi, presso il Centro Fieristico di Campi Salentina (Le).

L'appuntamento, divenuto ormai uno dei più attesi momenti culturali, è organizzato dalla Fondazione Città del Libro in collaborazione con la Provincia di Lecce, l'Assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia, la Camera di Commercio di Lecce, il Comune di Campi Salentina e l'Unione dei Comuni del Nord Salento.

"Il futuro di questa prestigiosa rassegna – ha dichiarato in conferenza stampa la vicepresidente e assessore alla Cultura della Provincia di Lecce Simona Manca - si gioca tutto sulla capacità che questo appuntamento avrà di cercare un proprio percorso chiaro e sulla sua capacità di individuare una "identità originale ed unica", in grado di calamitare l'attenzione dei mercati nazionali ed esteri".

La proposta lanciata oggi da Simona Manca è stata condivisa dal Comitato Scientifico e intorno ad essa si inizierà a lavorare già dalla prossima edizione, per garantire la crescita e lo sviluppo di questo prestigioso appuntamento che, da ben diciassette edizioni, vede protagonista il Salento alla ribalta nazionale ed internazionale.

"L'attenzione della Provincia è altissima nei confronti della cultura del libro e su questa idea noi abbiamo lavorato e continuiamo a farlo anche, ad esempio, attraverso la creazione di un Polo di Biblioteche di eccellenza", ha proseguito la vice presidente Simona Manca.

"Sicuramente l'identità della "Città del Libro" dovrà essere cercata e affinata tenendo presente quella che è la nostra collocazione geografica. Il nostro destino è di essere terrà culla del Mediterraneo, ed è forse proprio da queste radici che dobbiamo partire per progettare il futuro di questa rassegna", ha concluso Simona Manca.


  Torna indietro


Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!