-
Home La Provincia URP Ufficio Stampa Servizi Albo pretorio Concorsi Bandi di gara Avvisi Pubblici Amministrazione Trasparente
Link a Facebook Link a Twitter Link a youtube
Presentate oggi a Palazzo Adorno da Simona Manca le iniziative per la "Settimana della Cultura" e "La sera andiamo al Museo"

  14/04/2012

Questa mattina, alle ore 10, a Palazzo Adorno, la vice presidente e assessore alla Cultura della Provincia di Lecce Simona Manca, ha presentato gli appuntamenti della Provincia di Lecce programmati nell'ambito dell'evento nazionale della "Settimana della Cultura" (14-22 aprile), promossa dal Ministero dei Beni culturali e nata per trasmettere l'amore per l'arte e la conoscenza dell'immenso patrimonio italiano.

Nell'occasione, ha illustrato anche il programma "La sera andiamo al Museo", ricco calendario di eventi, diviso in sei sezioni, che animerà il Museo provinciale "Sigismondo Castromediano" di Lecce e che è stato predisposto dall'assessorato alla Cultura, per aprire in maniera e in orari insoliti, ed a un pubblico più eterogeneo, le porte del complesso culturale.

"Anche quest'anno come Provincia sposiamo l'evento nazionale della "Settimana della Cultura", promossa dal Ministero dei Beni culturali e nata per trasmettere l'amore per l'arte e la conoscenza dell'immenso patrimonio italiano. In realtà, però, la "Settimana della Cultura" per la Provincia di Lecce dura tre mesi perché, con una attività continua e senza sosta, abbiamo programmato un calendario di eventi che vede protagonista il Museo provinciale "Sigismondo Castromediano fino al 20 giugno", ha dichiarato ad apertura della conferenza stampa la vice presidente ed assessore alla Cultura della Provincia di Lecce Simona Manca.

"Per l'occasione abbiamo pensato, attraverso le variegate iniziative di "La sera andiamo al Museo", di rendere ancora più speciale l'esperienza dei nostri visitatori al nostro Museo, capofila del sistema museale salentino. Il "Catromediano", infatti, ogni giorno, aprirà le sue porte in orari insoliti, soprattutto serali, offrendo opportunità straordinarie e singolari di incontro, discussione , svago, approfondimento, spaziando in ambiti culturali diversi, ma strettamente collegati, coincidenti, "mischiati" tra loro. Si potrebbe sintetizzare questo straordinario progetto con lo slogan le "Muse incontrano noi", perché il museo è la casa delle muse", ha concluso la vice presiedente.

"Le grandi voci del Novecento", "Al museo con la musica", "Turchia: Mediterraneo", "Incontro con l'autore", "Giornate della Dante", "Gli artisti e il cinema" sono le sezioni in cui si sviluppa il nutrito programma culturale messo in campo dall'assessorato alla Cultura della Provincia di Lecce.

Ecco tutti gli appuntamenti della prossima settimana al Museo "Sigismondo Castromediano" a Lecce: lunedì 16 aprile, ore 19.30, per la sezione "Le grandi voci del Novecento, "Serata dedicata al leggendario tenore Mario del Monaco", a cura di Eraldo Martucci e in collaborazione con l'Associazione Nireo; martedì 17 aprile, ore 10-13 e 16-20, "Cinema Psicologia, Filosofia, Psicoanalisi. Viaggio-Nostos", a cura del Dipartimento di Studi Umanistici dell'Università del Salento; mercoledì 18 aprile, ore 19.30, per la sezione "Le grandi voci del Novecento", in collaborazione con l'Associazione Nireo, "Il ricordo di Beniamino Gigli a cinquanta anni dalla scomparsa", a cura di Eraldo Martucci; giovedì 19 aprile, ore 19.30 per la sezione "Incontro con l'autore", presentazione del libro di Al Bano "Io ci credo" (Piemme Edizioni), in collaborazione con la Libreria Palmieri; venerdì 20 aprile, ore 19.30, per la sezione "Turchia: Mediterraneo", in collaborazione con l'Associazione Vivere Lecce, "Cultura Turca", a cura di Nalan Kiziltan.

Nella serata di lunedì il critico musicale e vicepresidente della Fondazione Ico "Tito Schipa" di Lecce Eraldo Martucci. prendendo spunto dal trentesimo anniversario della scomparsa del leggendario tenore Mario Del Monaco, ricorderà il tenore fiorentino, peraltro Otello straordinario nel 1968 al Politeama Greco di Lecce, attraverso contributi audio e video, anche rari, che varranno proiettati nell'Auditoriom del Museo. L'ingresso è libero.



  Torna indietro


Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!