-
Home La Provincia URP Ufficio Stampa Servizi Albo pretorio Concorsi Bandi di gara Avvisi Pubblici Amministrazione Trasparente
Link a Facebook Link a Twitter Link a youtube
La Provincia avvia l'apertura di uno sportello del circuito dei Giovani Artisti Italiani nel Castello di Acaya

  30/04/2012

A seguito della positiva collaborazione che si è sviluppata tra il Gai (Giovani Artisti Italiani) e la Provincia di Lecce l'amministrazione presieduta dal presidente Antonio Gabellone, nell'ultima seduta di giunta provinciale, ha avviato l'apertura di uno sportello del Circuito dei Giovani Artisti Italiani (Gai) presso il Castello di Acaya.

"Questa scelta è stata fatta al fine di valorizzare la vocazione culturale ed artistica del territorio salentino, caratterizzata dall'apertura verso le differenti civiltà del Mediterraneo. La nostra intenzione è quella di dedicare la rete Gai di Acaya al rapporto tra le arti, le migrazioni e le identità locali. In questa prospettiva ci piacerebbe recuperare la positiva esperienza con la Conferenza permanente del Mediterraneo e dell'Istituto di Culture Mediterranee, che già gestisce il Castello di Acaya", dichiara l'assessore alle Politiche Giovanili della Provincia di Lecce Bruno Ciccarese.

"L'apertura dello sportello Gai al Castello di Acaya è un'ulteriore azione a sostegno dell'importante lavoro messo in campo da questa Provincia a supporto delle politiche giovanili, miranti a favorire attività di mobilità internazionale, scambi culturali e di studio che hanno registrato consenso ed interesse da parte dei giovani salentini", ha proseguito l'assessore con il presidente della Provincia Antonio Gabellone.

"Si tratta di una importante opportunità per i giovani talenti, un modo per valorizzare la ricca scena creativa locale, mettendola in relazione con quella nazionale ed internazionale. La scelta di dedicare questa iniziativa al rapporto tra le arti, le migrazioni e le identità del territorio testimonia il forte legame che il Salento ha con le culture del Mediterraneo e con le diverse anime culturali che in esso convivono", concludono Gabellone e Ciccarese.


  Torna indietro


Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!