-
Home La Provincia URP Ufficio Stampa Servizi Albo pretorio Concorsi Bandi di gara Avvisi Pubblici Amministrazione Trasparente
Link a Facebook Link a Twitter Link a youtube
"Sportello Gai" ed "Arte & MigrAzioni nel Mediterraneo": oggi la presentazione dei progetti promossi dalla Provincia di Lecce

  18/05/2012

Presentati questa mattina a Palazzo Adorno i due nuovi progetti messi in campo dalla Provincia di Lecce in tema di politiche giovanili: l'imminente apertura dello Sportello Gai – Giovani Artisti Italiani ed il progetto "Arte & MigrAzioni nel Mediterraneo".

Ad illustrare le iniziative sono intervenuti Bruno Ciccarese, assessore alle Politiche Giovanili della Provincia di Lecce e Luigi Ratclif, segretario dell'associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani di Torino, e Diletta Piazza, della Conferenza permanente degli Audiovisivi.

Sarà la suggestiva cornice del Castello di Acaya ad ospitare l'imminente apertura dello sportello del Circuito dei Giovani Artisti Italiani.

"Questa scelta è stata fatta al fine di valorizzare la vocazione culturale ed artistica del territorio salentino, caratterizzata dall'apertura verso le differenti civiltà del Mediterraneo. La nostra intenzione è quella di dedicare la sede Gai di Acaya al rapporto tra le arti, le migrazioni e le identità locali. In questa prospettiva ci piacerebbe recuperare la positiva esperienza con la Conferenza permanente del Mediterraneo e dell'Istituto di Culture Mediterranee, che già gestisce il Castello di Acaya", ha dichiarato l'assessore alle Politiche Giovanili della Provincia di Lecce Bruno Ciccarese.

"L'apertura dello sportello Gai al Castello di Acaya è un'ulteriore azione a sostegno dell'importante lavoro messo in campo da questa Provincia a supporto delle politiche giovanili, miranti a favorire attività di mobilità internazionale, scambi culturali e di studio che hanno registrato consenso ed interesse da parte dei giovani salentini", ha proseguito l'assessore.

"Si tratta di una importante opportunità per i giovani talenti, un modo per valorizzare la ricca scena creativa locale, mettendola in relazione con quella nazionale ed internazionale. La scelta di dedicare questa iniziativa al rapporto tra le arti, le migrazioni e le identità del territorio testimonia il forte legame che il Salento ha con le culture del Mediterraneo e con le diverse anime culturali che in esso convivono", ha concluso Ciccarese.

"La scelta di dare una identità specifica allo sportello del Gai presso il Castello di Acaya rappresenta un importante segnale politico e culturale che condivido appieno. Il tema delle migrazioni infatti oggi è centrale e affrontarlo attraverso l'arte e i linguaggi del contemporaneo testimonia la ricchezza di un territorio accogliente e aperto al nuovo nelle sue diverse accezioni", ha sottolineato Luigi Ratclif, segretario dell'associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani di Torino.

"La mobilità intesa anche quale occasione formativa e di crescita professionale è oggi uno strumento indispensabile per chi vuole fare della propria passione un mestiere. La formula assolutamente innovativa di un programma di residenze dedicato alla sperimentazione e all'interazione di diversi linguaggi creativi finalizzati al mondo della comunicazione sottolinea la necessità, sempre più attuale, di poter applicare in diversi settori le proprie abilità artistiche".

Contestualmente è stato presentato il progetto "Arte & MigrAzioni nel Mediterraneo", promosso dalla Provincia di Lecce, insieme all'Istituto di Culture Mediterranee, all'Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani (Gai) e alla Conferenza Permanente dell'Audiovisivo Mediterraneo (Copeam), con la partecipazione del Consiglio generale dei Pugliesi nel mondo.

Si tratta di un programma di residenza formativa, della durata di un mese, dedicato alla sperimentazione di nuove forme di interazione tra diversi linguaggi artistici applicati al settore della comunicazione che interesserà quattro figure creative: fotografo/fotoreporter, regista/video-maker, scrittore/giornalista e social media editor, interessati a vivere una esperienza produttiva nel territorio salentino.

Questi appuntamenti, aperti anche alla cittadinanza, avranno lo scopo di coinvolgere più fruitori in un'ottica di condivisione e formazione allargata. Un tutor dedicato seguirà gli artisti nella loro ricerca. La residenza si concluderà con una produzione artistica all'interno di alcuni Festival e Rassegne in programma nei mesi estivi nel territorio pugliese.

"La vocazione interculturale e lo scambio di competenze e di professionalità sono alla base delle azioni condotte e promosse dalla Conferenza permanente degli Audiovisivi. Con questa prospettiva, vogliamo sostenere, attraverso il nostro network, il progetto ‘Arte & MigrAzioni nel Mediterraneo' per formare e promuovere giovani profili emergenti del settore audiovisivo e culturale del nostro Paese", ha dichiarato Diletta Piazza della Copeam.



  Torna indietro


Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!