-
Home La Provincia URP Ufficio Stampa Servizi Albo pretorio Concorsi Bandi di gara Avvisi Pubblici Amministrazione Trasparente
Link a Facebook Link a Twitter Link a youtube
La vice presidente Manca: "La Provincia di Lecce grande esclusa alla presentazione della Notte della Taranta 2012"

  14/06/2012

"La Provincia di Lecce esclusa dalla presentazione di un evento che ha contribuito a rendere "grande" in quindici anni di vita. Mi riferisco alla conferenza stampa ufficiale del Festival della Notte della Taranta 2012, in programma domani, a Roma, nella sede della Regione Puglia e che, apprendo da un comunicato stampa ufficiale, vedrà intorno a un tavolo tutte le istituzioni protagoniste della manifestazione. Ad eccezione di una, la Provincia di Lecce". A parlare è la vice presidente della Provincia di Lecce, con delega alla Cultura, Simona Manca.

"Tale dimenticanza spiace, ma ancor più rammarica, vista anche la ricorrenza dell'anniversario di una iniziativa che abbiamo seguito passo dopo passo. E' quantomeno anomalo e istituzionalmente scorretto che la Provincia di Lecce non sia stata preventivamente coinvolta ed invitata a partecipare ad un momento così importante e significativo per la promozione di questo grande evento a livello nazionale".

"Al dispiacere si unisce il disappunto per una esclusione che appare inspiegabile ed incomprensibile, visto il ruolo che la Provincia di Lecce ha svolto negli anni, e continua a svolgere, nell'organizzazione e nel supporto al "più grande festival europeo di musica popolare".

"Solo a titolo esemplificativo, ma non esaustivo, mi preme ricordare, a chi evidentemente non vuole ricordare, che la Provincia di Lecce è tra le istituzioni che ha promosso la nascita della Fondazione della Notte della Taranta e ha garantito, nelle precedenti edizioni a migliaia di persone di raggiungere Melpignano per assistere al Concertone Finale di chiusura del Festival tramite il servizio di trasporto provinciale, solo per fare un esempio".

"Resto convinta che un evento di tale portata, che ambisce ad unire tramite la musica culture di popoli diversi e lontani e che rappresenta ormai un importante vetrina per l'industria turistica nel nostro territorio, non possa essere occasione di divisione", conclude Simona Manca.



  Torna indietro


Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!