-
Home La Provincia URP Ufficio Stampa Servizi Albo pretorio Concorsi Bandi di gara Avvisi Pubblici Amministrazione Trasparente
Link a Facebook Link a Twitter Link a youtube
"No al caporalato - No alla precarietà": domani a Copertino un evento musicale alla presenza del presidente Gabellone

  13/07/2012

"No al caporalato, No alla precarieta'. Giovani e musica per un lavoro a regola d'arte". E' questo il titolo dell'evento in programma domani, sabato 14 luglio a partire dalle ore 21, presso il parco della Grottella di Copertino.

Si tratta di un concerto di solidarietà, e al contempo di sensibilizzazione, che vuole rappresentare un modo di arrivare tra i giovani e per i giovani, per una cultura che affermi il diritto al lavoro dei giovani e degli immigrati, di chi ha perso un lavoro a 50 anni, della loro salute, del loro benessere e della loro vita sulla valutazione economica e sulla mera ricerca del profitto.

All'iniziativa parteciperanno il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone, gli assessori provinciali Pierluigi Pando ed Ernesto Toma, il presidente della Commissione Emersione lavoro irregolare della Provincia di Lecce Toni Dell'Anna, i sindaci di Copertino Giuseppe Rosafio, di Leverano Giovanni Zecca, di Porto Cesareo Salvatore Albano e di Arnesano Giovanni Madaro.

Sono previste le esibizioni di Shake Dow Babylon, Mattia Tornese e il Tris d'Assi Cesko, Puccia, Rekkia degli Après la Classe.

"La questione del "Mercato del Lavoro", sottolinea il presidente della Commissione Emersione Lavoro Toni Dell'Anna, "comprende ormai tutte le attività produttive e di servizio ed interessa tutte le generazioni e in special modo i giovani. Se dal commercio e turismo sono il contratto a chiamata e l'associazione in partecipazione a farla da padroni, nelle attività agricole è il voucher che si sta diffondendo; se nei settori industriali i posti di lavoro persi per la crisi economica vengono solo parzialmente rimpiazzati da lavoro interinale sempre più spezzettato, negli ambiti amministrativi i contratti a progetto ed ancor più le false partite Iva permettono abbondanti risparmi contributivi".

"C'è bisogno sostanziale di un cambio di rotta e per questo gli enti locali, le Province, i Comuni devono essere più coinvolti dal governo nel rilancio economico sociale per combattere la precarietà giovanile e essere attori attivi contro la piaga del caporalato", conclude Dell'Anna.


  Torna indietro


Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!