-
Home La Provincia URP Ufficio Stampa Servizi Albo pretorio Concorsi Bandi di gara Avvisi Pubblici Amministrazione Trasparente
Link a Facebook Link a Twitter Link a youtube
Giornata internazionale contro la violenza sulle donne: la riflessione della consigliera di parita' Alessia Ferreri

  23/11/2012

"La Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica è un valido strumento a sostegno della lotta e della prevenzione contro ogni forma di violenza".

E' quanto afferma la consigliera di Parità della Provincia di Lecce Alessia Ferreri che, in occasione della "Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne" di domenica 25 novembre prossimo, richiama l'attenzione su questo importante documento operativo sottoscritto di recente dal ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, con delega alle Pari opportunità, Elsa Fornero, in nome e per conto del Governo italiano.

"La giornata contro la violenza sulle donne diventa anche occasione per porre l'attenzione sui dati allarmanti della violenza e delle molestie sia quelle psicologiche, che quelle fisiche e sessuali, consumate sui luoghi di lavoro", prosegue la consigliera provinciale di Parità. "Da un'indagine europea, infatti, risulta che le lavoratrici interessate al fenomeno vanno dal 5% al 20%, a seconda del Paese, del settore e della metodologia impiegata. Il 40% del management si dice preoccupato in merito, ma solo circa il 25% ha attuato procedure per affrontare il problema. Secondo la ricerca il problema è ancora più accentuato nei settori dei servizi sanitari e sociali e dell'istruzione, dove più del 50% dei dirigenti considera il fenomeno rilevante in termini di salute".

"Nonostante l'allarme, però, la questione non è pienamente affrontata e le iniziative di contrasto appaiono inadeguate", prosegue la consigliera Ferreri. "Ciò evidenzia che il fenomeno della violenza sui luoghi di lavoro non è ancora sufficientemente riconosciuto e che le iniziative specifiche destinate ad affrontarlo sono scarse così come i mezzi della sua repressione. È importante, quindi, sensibilizzare l'opinione pubblica, soprattutto le giovani donne, riguardo al fatto che essere vittima di molestie fuori dalle mura di casa, oltre che dentro, non può essere considerato un marchio infamante e che certi comportamenti non possono passare tra la generale indifferenza".

"È necessario a livello locale promuovere una sensibilità sociale ad attuare politiche e procedure per far fronte e prevenire la violenza e le molestie sul lavoro", conclude la consigliera provinciale di Parità Alessia Ferreri


  Torna indietro


Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!