-
Home La Provincia URP Ufficio Stampa Servizi Albo pretorio Concorsi Bandi di gara Avvisi Pubblici Amministrazione Trasparente
Link a Facebook Link a Twitter Link a youtube
"Paesaggi e Archeologie": presentato oggi a Palazzo Adorno il programma per un week-end alla scoperta del Salento

  09/04/2013

Dieci percorsi tematici, dall'archeologia industriale della produzione ai ritrovamento archeologici e botanici, passando per l'archeologia delle infrastrutture ferroviarie, tutti da scoprire con l'aiuto di archeologi, storici, botanici. Sono i dieci appuntamenti da non perdere di "Giardini e Paesaggi Aperti - Paesaggi e Archeologie", la manifestazione nazionale che nel week-end del 13 e 14 aprile approda in cento siti di interesse architettonico e paesaggistico e che coinvolgerà anche la Puglia, e in particolare, il Salento.

L'iniziativa, promossa dall'Aiapp-Associazione italiana di architettura del paesaggio-Sezione Puglia, con la collaborazione di numerose associazioni ed enti, tra cui la Provincia di Lecce, è stata presentata oggi in una conferenza stampa, a Palazzo Adorno, a Lecce. Ad illustrare le "dieci proposte impedibili" del programma salentino, il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone, il direttore generale Giovanni Refolo, la presidente Aiapp Puglia Tiziana Lettere e il segretario Aiapp Puglia Francesco Tarantino.

Nel suo intervento il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone ha evidenziato: "Se oggi abbiamo una sensibilità particolare verso temi come quelli del rispetto dell'ambiente, della valorizzazione del nostro passato, della tutela delle risorse naturali lo dobbiamo soprattutto al lavoro fatto in tutti questi anni da un'associazione come l'Aiapp. L'Amministrazione provinciale sta lavorando da tempo su questi aspetti così importanti per lo sviluppo del territorio. La nostra storia, le nostre vocazioni rappresentano ciò di cui dobbiamo essere gelosi, ciò su cui dobbiamo lavorare perché rientrino in un filo rosso, in una strategia che renda il Salento riconoscibile. Noi possiamo davvero strabiliare. Abbiamo risorse umane straordinarie, dobbiamo solo avere la capacità di metterle insieme in un progetto organico che faccia crescere tutto il territorio".


  Torna indietro


Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!