-
Home La Provincia URP Ufficio Stampa Servizi Albo pretorio Concorsi Bandi di gara Avvisi Pubblici Amministrazione Trasparente
Link a Facebook Link a Twitter Link a youtube
Abolizione delle Province. Il presidente Gabellone: "Documento unitario per i parlamentari: salvare la nostra identità"

  13/09/2013

Un ordine del giorno, votato all'unanimità, sui disegni di legge "Abolizione delle Province" presentato da 21 consiglieri provinciali (primo firmatario Giovanni Siciliano) per dire nettamente e ancora una volta no ad un'Italia senza Provincia.

E' il risultato prodotto dal Consiglio Provinciale odierno che si è interrogato in maniera monotematica sul tema scottante del futuro dell'Ente locale. Erano presenti il senatore Francesco Bruni, i parlamentari Salvatore Capone e Roberto Marti, il consigliere regionale Saverio Congedo, il difensore civico emerito Giacinto Urso. Messaggi di plauso per l'iniziativa sono arrivati da Raffaele Fitto, Rocco Palese, Adriana Poli Bortone e Francesco Schittulli presidente dell'Upi regionale, assenti perchè impegnati in altre attività istituzionali.

Il no all'abolizione si fonda, a scorrere il documento, su quattro certezze: ci sarebbero meno garanzie democratiche, verrebbero garantite meno opportunità a chi è più debole, diminuirebbe l'identità locale fatta di storia e cultura, le istituzioni si allontanerebbero dai cittadini.

Per questi motivi i consiglieri avanzano "la richiesta alle organizzazioni sindacali di mobilitarsi contro l'abolizione o lo svuotamento delle Province, per tutelare le persone che ci lavorano, alle forze economico sociali di mobilitarsi per ristabilire un punto di riferimento istituzionale certo nel territorio, per garantire il rilancio degli investimenti per lo sviluppo locale e, infine, ai cittadini, agli uomini di cultura, alle associazioni e ai gruppi di volontariato di manifestare il loro amore per il territorio, opponendosi all'abolizione delle nostre Province, o alla loro trasformazione in enti nominati dai partiti e non eletti direttamente dal popolo".

Tutti gli interventi si sono susseguiti puntando l'attenzione sull'imminente futuro dell'istituzione.

"Come ente locale dobbiamo batterci per far giungere il governo ad un ripensamento, a far recedere da questa idea chi dovrà decretarne la fine", ha detto il consigliere Giovanni Siciliano. "La cancellazione della Provincia, così come immaginata dalla Costituzione, è una violenza alla Costituzione stessa. Auspico che i nostri rappresentanti istituzionali non votino questo decreto che considero scellerato".

E' poi intervenuto il capogruppo PDL Biagio Ciardo, portavoce della maggioranza in Consiglio: "E' una decisione che appare frettolosa e che ci vuole strappare la nostra carta di identità. Noi siamo e ci sentiamo salentini ed il governo intende cancellarci dalla geografia, perchè pensa che in questo modo, eliminando le Province, ci sia un guadagno istituzionale. L'abolizione delle Province ci trascinerà in un vero e proprio ingorgo istituzionale che renderà impossibile le relazioni tra il cittadino e istituzioni che saranno lontanissime".

E' stata poi la volta di Cosimo Durante (capogruppo Pd): "Al solo pensiero di sapere questa aula consiliare vuota mi pervade un senso di tristezza, un'aula che ha scritto pagine di storia. Sentiamo questo Ente come qualcosa di nostro, che ha concorso alla crescita sociale, civile ed economica di questo territorio. Si sta portando avanti una battaglia del nulla, quella tanto sbandierata del contenimento della spesa. Siamo convinti che l'Ente Provincia in tutti questi anni ha fatto bene ed ha dato un senso all'identità del nostro territorio".

Infine, il consigliere Aurelio Gianfreda: "Nella consapevolezza che questa aula sia stata palestra per la crescita del territorio, provo tanta amarezza e dispiacenza. L'abolizione della Provincia deve essere inquadrata in quella che è una vera e propria campagna di antipolitica per la quale siamo oggetto, in una sorta di diffuso malessere. Resto dell'avviso che la nostra opera in tutti questi anni sia stata utile per la crescita del territorio".

Nel dibattito consiliare è poi intervenuto il difensore civico emerito della Provincia di Lecce Giacinto Urso, che ha rimarcato come quella odierna "non è un'assemblea esequiale, nè si canta da parte del Governo il ‘miserere' che, invece, è ancora tutto da cantare. Non possiamo cancellare la parola ‘Provincia', perchè in questo modo si cancella l'identità di un territorio, di un territorio marginale e di confine come il nostro; così facendo daremo vita ad un accentramento regionale di natura gestionale e ad un pericoloso slittamento verso i Comuni, già di per sé asfissiati da tanti e tanti problemi e che non hanno necessità di avere ulteriori aggravi di compiti e servizi. Così facendo andiamo incontro ad un annullamento di coscienza di periferia".

Ed ha proseguito: "La mia proposta è quella che, subito dopo l'approvazione dell'ordine del giorno, il presidente Gabellone si faccia garante dei sentimenti, emersi quest'oggi nell'aula di Palazzo dei Celestini, per riportarli all'intera deputazione parlamentare salentino, allargata ai capigruppo consiliari. Non intendiamo far ritirare i decreti sulle Province, ma intendiamo far nascere una presa di coscienza politica dell'intero territorio, con quello che può scaturire con questo vero e proprio salto nel buio. L'unica via possibile è quella di riportare il problema nel contesto della riforma istituzionale dello Stato, attraverso una capacitazione democratica di chi ha una responsabilità primaria sul territorio. Dunque nessuna esequia della Provincia, visto che ora resta tutto sul piano dubitativo, ma un'esaltazione del ruolo della periferia di fronte a quella che considero una inavvedutezza centrale".

A conclusione degli interventi ha preso la parola il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone che, nel ringraziare tutti per gli interventi di merito, "si è detto soddisfatto del dibattito consiliare, dibattito che ha dato prova di un livello istituzionale di un'eccezionale qualità".

Il presidente ha, dunque, rimarcato come "i costi risparmiati dal provvedimento che intende cancellare le Province, da un punto di vista strettamente finanziario, siano estremamente irrisori. Anzi l'abolizione della Provincia renderà necessario maggiori costi per altri enti per esercitarne le funzioni. La ‘cancellazione', difatto, porterà alla schiacciamento delle peculiarità dei singoli territori, con il gonfiarsi spropositato delle competenze regionali, tanto da moltiplicare il centralismo dei capoluoghi sugli altri territori".

Ed ha aggiunto: "E' in corso la devastazione della democrazia, dei servizi al cittadino, della qualità dell'offerta istituzionale nei confronti delle popolazioni che si rivolgono quotidianamente alle istituzioni. E' impensabile ed irrazionale che la deputazione salentina la accetti, in virtù di demagogiche scelte nazionali".

"Siamo una Provincia di confine che vuole ed intende mantenere la sua identità: da qui partirà una proposta di difesa della nostra istituzione, che sarà sottoposta e sottoscritta dai nostri parlamentari per evitare questo provvedimento scellerato", ha concluso.


  Torna indietro


Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!