-
Home La Provincia URP Ufficio Stampa Servizi Albo pretorio Concorsi Bandi di gara Avvisi Pubblici Amministrazione Trasparente
Link a Facebook Link a Twitter Link a youtube
Ceramica pugliese ed altro nella collezione Tondolo.

08/01/2013
Con l'esposizione di circa 200 esemplari, realizzata dal Museo Provinciale "Sigismondo Castromediano" di Lecce insieme a Fondazione Cassa di Risparmio di Puglia, prosegue la serie di mostre sul collezionismo avviata nel 2011 con "La Passione del collezionismo. La ceramica di Laterza nella collezione Tondolo".
La mostra è visitabile gratuitamente tutti i giorni dal lunedì al sabato dalle ore 9 alle ore 19,30 e la domenica dalle ore 9 alle ore 13,30, fino a dicembre.
L'intento è di fare acquisire ad una struttura pubblica una collezione che racconta delle attività artistiche nelle botteghe di ceramisti pugliesi dal Cinquecento al Novecento, creando il primo nucleo di un museo delle arti applicate.
Si tratta di una produzione attestata, nella sola Terra d'Otranto, in almeno 17 centri, distribuiti tra le odierne province di Lecce, Brindisi e Taranto.
Vasi, coppe, piatti pompa, albarelli e bottiglie da farmacia provenienti dalla collezione di Riccardo Tondolo, in massima parte inedite e studiate, catalogate e restaurate per l'occasione, sono state donate al Museo Provinciale.
Maioliche di ogni tipo, da quella raffinata che nell'Ottocento riesce ad essere ancora competitiva con la porcellana a quella di uso quotidiano. "Faenzare" vengono chiamate le prime, per la loro alta qualità tecnica e l'elevato livello artistico: ed è a questa categoria che è rivolta la nostra attenzione, scoprendo come la produzione pugliese abbia attinto ai modelli iconografici delle coeve, grandi produzioni napoletane, faentine, abruzzesi, dell'Italia centro-settentrionale d'Oltralpe, contaminando gli stili, arricchendosi di nuove invenzioni.
La collezione consente di chiarire la lunga produzione di Grottaglie, ma offre spunti di riflessione anche sulla produzione di centri attualmente ancora attivi e non.
Nel percorso, i materiali si susseguono cronologicamente sino al XX secolo e secondo i luoghi di provenienza. Dalla finezza delle maioliche settecentesche ancora destinate in maniera quasi esclusiva a funzioni di rappresentanza, si giunge infatti alle imitazioni dei pezzi antichi molto in voga nel ‘900 dell'immediato dopoguerra.
L'allestimento rimarrà sino al 31 dicembre e successivamente la collezione entrerà nel percorso espositivo del museo e della costituenda sezione dedicata alle arti applicate.
Il catalogo, secondo della Collana sulla Passione del Collezionismo, è edito da Congedo.
Per ulteriori informazioni e per contattare gli organizzatori è possibile telefonare al numero 0832/683503 o inviare una mail all'indirizzo: museo@provincia.le.it

    Torna indietro


Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!