-
Home La Provincia URP Ufficio Stampa Servizi Albo pretorio Concorsi Bandi di gara Avvisi Pubblici Amministrazione Trasparente
Link a Facebook Link a Twitter Link a youtube

Golf Map



Golf map

Considerata la bellezza e l’accresciuta capacità attrattiva del territorio salentino , la Provincia di Lecce ritiene utile predisporre la rilevazione cartografica dei siti potenzialmente idonei all'insediamento di impianti dedicati al golf.


Il golf, infatti, può rappresentare un grande volano per il turismo, richiamando sul territorio visitatori da tutto il mondo e contribuendo ad alimentare l’occupazione anche nell’indotto (dal circuito artistico e culturale all’artigianato e all’enogastronomia). La realizzazione e manutenzione di campi di golf non può che ispirarsi al rispetto del territorio, dell’ambiente e del paesaggio, un patrimonio che rappresenta la nostra più grande risorsa collettiva.

L’obiettivo è quello di costruire nel nostro territorio salentino (come hanno fatto ad esempio Spagna, Portogallo, Tunisia e Marocco) un segmento forte dell’offerta turistica legata al golf.


A fronte della consapevolezza che il turismo estero è una delle risorse potenzialmente più importanti per lo sviluppo economico del territorio, si avverte la necessità di individuare settori specifici che diano continuità, anche nei periodi di bassa stagione, alle attività turistiche ricettive, ai servizi e alla vendita del «prodotto Salento». È infatti ampiamente dimostrato che la presenza di un campo da golf funge da traino e supporto per la promozione turistica di un territorio generando un notevole effetto propulsivo per l’indotto economico ed il mercato del lavoro.


Il movimento golfistico mondiale indica in 25 milioni i turisti golfisti (su un totale di 64 milioni di praticanti) per un settore che cresce senza battute d’arresto con una percentuale del 8,1% annuo.


Notevoli i benefici per l’economia, considerato il profilo del turista collegato alla pratica di questa attività, di età media compresa tra i 45 e i 65 anni e quindi con adeguate possibilità economiche, che in Italia spende circa 90 euro al giorno (esclusi viaggi e alloggio) contro i 53,83 euro dei turisti non golfisti. Il giro di affari in Europa per il golf è di circa 50 miliardi di euro e in Italia si aggira sui 350 milioni per introiti diretti, ossia per quelli cioè relativi unicamente alle attività del circolo golfistico. Quanto all’incremento dei posti di lavoro, se si considera che in ognuno degli impianti di golf italiani vengono impiegate mediamente 33 persone e che in generale, in Europa, Medio Oriente e Africa, per ogni lavoratore diretto ce ne sono altri 2 indiretti che vivono grazie all’indotto, si stima che ogni nuovo campo da golf creerebbe in media 100 posti di lavoro. Senza contare quelli generati per realizzare i percorsi e le strutture ricettive annesse.


L’obiettivo è proprio quello di inserire la costruzione di un campo da golf in un progetto più ampio, legato ad investimenti immobiliari di tipo ricettivo e ad iniziative turistiche organizzate per l’offerta di una molteplicità di servizi ricreativi collegati al golf.


Il golf è una delle carte che il Salento potrebbe giocare per valorizzare ulteriormente la propria immagine.



Amministratore Portale
Puoi commentare l'idea attraverso questo form

Inviato il 15/10/12 11.50.

Su


Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!