Vertice per la provinciale “Vaste-Cocumola”: no all’abbattimento di 100 pini, garantite tutela del paesaggio e sicurezza stradale

Presentazione Trofeo Caroli Hotels

“I pini che si trovano sulla provinciale Vaste – Cocumola, su un’area a vincolo paesaggistico, non potranno essere abbattuti. Dalla loro possibile rimozione si è giunti ad un’idea di rete territoriale che si mette a disposizione per un progetto di definizione di strada – parco a valore paesaggistico. La corretta manutenzione delle piante fatta dai proprietari, ai quali si rende merito, li ha preservati in una condizione di apparente non pericolosità. Qualora, a seguito di approfondite valutazione di ordine tecnico, dovesse emergere la pericolosità degli alberi, ovviamente, non si potrà prescindere da una soluzione radicale”. A parlare è Andrea Romano, capo di Gabinetto della Provincia di Lecce, al termine del tavolo tecnico svoltosi questa mattina, nella sala consiliare di Palazzo dei Celestini.

Al centro dell’incontro il futuro della strada provinciale 60 “Vaste-Cocumola” dal punto di vista della sicurezza e della tutela del paesaggio. Su questa arteria, che ricade nel territorio dei Comuni di Poggiardo e Minervino, si trovano un centinaio di pini monumentali. A confrontarsi sul tema, per la Provincia di Lecce, insieme al capo di Gabinetto Andrea Romano, c’erano il consigliere con delega alla Tutela e Valorizzazione Ambiente Fabio Tarantino, il dirigente del Servizio Ambiente e comandante della Polizia provinciale Antonio Arnò, il dirigente del Servizio Strade Luigi Tundo.

Presenti al vertice: il sindaco di Minervino Ettore Caroppo, il sub commissario prefettizio del Comune di Poggiardo Antonio Cucurachi, i delegati dei Comuni di Ortelle e Santa Cesarea Terme, il responsabile Ufficio Tutela per la sede di Lecce della Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio Antonio Zunno, i proprietari dei terreni Lapo Pignatelli e Paola Episcopo, l’agronomo Francesco Tarantino, il presidente dell’Associazione Italia Nostra – sezione Sud Salento Marcello Seclì e il presidente del Forum Ambiente e Salute Giovanni Seclì.

Al termine del confronto odierno è emersa la volontà della Provincia di Lecce di mantenere lo status quo per quanto riguarda i pini e di verificare la trasformazione della strada provinciale in strada - parco. L’Ente, inoltre, effettuerà la manutenzione (rifacimento tappetino e potenziamento segnaletica orizzontale e verticale) per garantire maggiore sicurezza e, ancora, ulteriori approfondimenti con la Polizia provinciale e il Servizio Strade, per l’eventuale installazione di un dispositivo di rilevazione della velocità stradale (che in questo tratto ha un limite di 30 km/h), o l’introduzione del senso unico alternato.

Il consigliere provinciale con delega alla Tutela e Valorizzazione ambiente Fabio Tarantino ha evidenziato: “La modalità scelta di aprire un tavolo per parlare in maniera chiara e franca con i proprietari, i sindaci e le associazioni ambientaliste, arriva dalla buona scuola praticata finora con la Consulta provinciale per l’Ambiente. Questo tema sarà portato anche in sede di Consulta. L’idea è quella di trarre da questo caso, quello del presunto abbattimento dei pini, un’occasione per creare un modello di gestione di una strada provinciale, che può diventare strada - parco. Abbiamo registrato un grande interesse da parte dei sindaci a tutelare il paesaggio, soprattutto in questa fase post xylella, dove tutelare quei pini diventa ancora più importante”.